Le caratteristiche genetiche, metaboliche e immunologiche del cancro al pancreas

Cos’è il cancro del pancreas?

I tumori del pancreas rappresentano la quarta causa di morte per malattia neoplastica ed entro i prossimi 10 anni raggiungeranno il secondo posto, superando il tumore del colon.

Tra i tumori del pancreas il più aggressivo è il carcinoma, la cui prognosi è nella maggior parte dei casi infausta: circa tre-quarti dei pazienti non sopravvive più di un anno dalla diagnosi, mentre solo uno su dieci sopravvive più di cinque anni.

 

Come si individua?

È un tumore caratterizzato dall’assenza di sintomi precoci, che viene diagnosticato spesso già in uno stadio avanzato. La diagnosi si avvale di esami quali ecotomografia, TAC, Risonanza Magnetica, Ecoendoscopia. 

 

E come si cura? 

Il carcinoma al pancreas viene trattato in modo integrato e multidisciplinare; l’asportazione chirurgica (che è possibile in una percentuale limitata di casi tra il 20% e il 30%), da sola non consente un controllo completo di questo tumore. Per questo l’intervento chirurgico si associa a trattamenti di tipo medico e sistemico, ovvero a chemioterapia; sempre più spesso, in molti casi, è preferibile anticipare la chemioterapia ed eseguire solo successivamente l’intervento. In alcuni casi si eseguono anche trattamenti radioterapici mirati per controllare questo tipo di tumore.

È emersa sempre di più negli anni la necessità di sviluppare una “medicina di precisione”, capace di identificare le alterazioni genetiche del tumore di ogni paziente al fine di identificare i punti di debolezza del tumore del pancreas per poter offrire un trattamento personalizzato e nuove strategie terapeutiche.

 

Oggi c’è un alleato in più

Il progetto di Humanitas nasce dalla consapevolezza che analizzando i diversi profili genetici, molecolari e le caratteristiche immuno-metaboliche del microambiente tumorale, si potrà offrire una medicina personalizzata.

Non tutti i tumori infatti sono uguali ed è importante capire per quale motivo si comportano in modo diverso. Cogliere queste differenze consentirebbe di applicare strategie di trattamento più mirate a seconda del singolo caso.

 

Gli obiettivi della Ricerca Humanitas

Nel tentativo di caratterizzare il tumore dal punto di vista del metabolismo, il progetto si avvale della valutazione del succo pancreatico che viene prelevato durante l’intervento chirurgico. I ricercatori analizzano le sostanze che si raccolgono nel succo stesso: una concentrazione di metaboliti (“metabolomic signature”) diversa da quella rilevata nel succo pancreatico di pazienti con altre patologie, potrebbe rappresentare un indicatore specifico di carcinoma del pancreas.

Nei pazienti con tumori del pancreas, inoltre, a profili metabolici differenti corrisponde una prognosi distinta. La relazione tra metabolismo tumorale, profili molecolari, risposta ai trattamenti chemioterapici e prognosi non è stata ancora approfondita per il tumore del pancreas e i nostri studi potrebbero fare chiarezza su queste complesse dinamiche e sulla loro rilevanza clinica.

  

I protagonisti in laboratorio hanno bisogno del tuo aiuto

Un medico senior e due medici specializzandi si occupano della gestione dei pazienti che vengono arruolati nello studio e della raccolta di campioni biologici e dati clinici.

Due ricercatori e un dottorando si dedicano all’analisi dei campioni biologici, succo pancreatico e tessuti tumorali, mediante tecniche di metabolomica e genomica, coadiuvati da core facilities dell’Istituto e di collaboratori internazionali.

Un team di bioinformatici analizza i dati generati, per stabilire la correlazione tra variabili identificate e dati clinici.

A loro sono destinati i fondi necessari per:

  • sostenere i costi della profilazione immunometabolica del succo pancreatico e dell’analisi genetica dei tessuti dei pazienti;
  • effettuare le analisi dei dati mediante algoritmi con la collaborazione di esperti di bioinformatica e biologia computazionale.

 

Status del progetto

L’impegno previsto è di 3-5 anni e si svolgerà in collaborazione con altri importanti gruppi di Ricerca in Europa e in Italia.

BANNER RICERCA