Tumore del pancreas: il ruolo della Ricerca è fondamentale

Il 19 Novembre ricorre la Giornata Mondiale del Tumore del Pancreas , oggi la terza causa di morte oncologica e entro il 2030 potrebbe diventare la seconda.

Il carcinoma al pancreas è infatti uno dei tumori più aggressivi e ad oggi, gli strumenti di diagnosi e cura non sono ancora sufficienti. Per questo la Ricerca contro il tumore del pancreas è fondamentale perché permetta di formulare diagnosi tempestiva e di trovare cure sempre più efficaci per ogni paziente.

Approfondiamo l’argomento con il Professor Alessandro Zerbi, Responsabile di Chirurgia pancreatica in Humanitas e docente in Humanitas University.

Il tumore del pancreas e i fattori di rischio

Il pancreas è un’importante ghiandola che si trova in profondità nell’addome, dietro lo stomaco e vicino all’intestino, ed è responsabile alla produzione di ormoni – come l’insulina – e di enzimi, sostanze che aiutano la digestione. Il tumore del pancreas si sviluppa quando alcune cellule iniziano a moltiplicarsi senza alcun controllo all’interno della ghiandola e formano così una massa. Il tumore può rimanere confinato al pancreas oppure estendersi e interessare altri organi vicini e lontano.

I fattori di rischio legati al tumore del pancreas sono diversi, tra questi il principale è il fumo. Sono rilevanti anche il sovrappeso associato a una dieta troppo ricca di grassi animali e la predisposizione genetica e familiare – pari a circa il 10% dei pazienti che si ammalano. Anche la presenza di alcune patologie correlate porta con sé alcuni rischi, è il caso della pancreatite cronica e del diabete.

Sintomi non specifici e diagnosi tardive

Il carcinoma al pancreas è un tumore subdolo: la mancanza di sintomi specifici non aiuta il paziente e il medico a individuare eventuali segni di allerta e dunque spesso la diagnosi avviene in ritardo. I segni riconducibili alla malattia, però spesso in comune con molte altre condizioni, sono: ittero, con una colorazione giallastra della pelle e degli occhi, nausea e dolori addominali, perdita di peso improvvisa, immotivato dolore alla schiena, diarrea, diabete o scompenso di diabete già presente.

Con la Ricerca vogliamo portare avanti studi dedicati per far sì che la diagnosi risulti estremamente accurata e tempestiva, e che le cure dedicate si rivelino sempre più efficaci.

I progetti di Humanitas: la Ricerca tradizionale e l’Intelligenza Artificiale

Humanitas è uno dei centri di riferimento in Italia per la diagnosi e la cura del tumore del pancreas, ma siamo molto attivi anche sul fronte della Ricerca, con diversi progetti sia nell’ambito della Ricerca più tradizionale sia in quello delle nuove tecnologie grazie all’aiuto dell’Intelligenza Artificiale e della bio-ingegneria”.

 Ricerca “tradizionale”: il progetto di Biologia Molecolare

Nell’ambito della biologia molecolare siamo impegnati in un progetto volto a indagare le caratteristiche genetiche, metaboliche e immunologiche del tumore*.  Non tutti i tumori sono uguali e conoscerne le caratteristiche potrebbe aiutare a comprendere il perché del loro comportamento e ad applicare strategie di trattamento sempre più mirate. Il progetto studia il succo pancreatico prelevato durante l’intervento chirurgico. L’eventuale concentrazione di metaboliti diversa da quella rilevata nel succo pancreatico di pazienti affetti da altre patologie, potrebbe risultare uno specifico indicatore di carcinoma del pancreas“.

Tumori del pancreas e Intelligenza Artificiale**

“Il progetto unisce in modo sinergico l’esperienza clinica e l’Intelligenza Artificiale, con l’obiettivo di predire la probabilità per il paziente di andare incontro a complicanze in seguito all’intervento di Chirurgia pancreatica, basandosi sulle immagini pre-operatorie (TAC). Per farlo, verranno utilizzati modelli di machine learning, in un lavoro che ci vede impegnati insieme agli ingegneri specializzati dell’AI Center di Humanitas”.

Leggi l’articolo completo: Le caratteristiche genetiche, metaboliche e immunologiche del cancro al pancreas
Scopri di più: Tumori del pancreas e AI: predire il rischio di complicanze post-operatorie grazie al machine learning

BANNER NEWS e AZIENDE